Bonus Infissi 2023 2024 | Le detrazioni per sostituire gli infissi anche senza ristrutturazione

Il Bonus Infissi 2023 2024 ti consente di sostituire gli infissi anche senza una ristrutturazione completa della casa.

Gli incentivi che lo contengono sono Ecobonus 50%, Bonus Sicurezza 50% e Bonus Casa 50%.

In questo articolo ti dico quali sono i bonus per sostituire gli infissi che puoi utilizzare anche senza ristrutturazione, come funzionano detrazioni, sconto in fattura e cessione del credito, e come scegliere l’incentivo fiscale più adatto a te e al tuo progetto.

Non tratterò il Superbonus 90%, ex 110%. Per il 2023 ha delle complessità importanti e richiede una ristrutturazione dell’edificio.


Quali sono i bonus 2023 2024 per sostituire gli infissi anche senza ristrutturazione

I bonus per sostituire gli infissi attivi nel 2023 e nel 2024 sono:

  1. Bonus Casa 50% (puoi usarlo senza ristrutturazione);
  2. Bonus sicurezza 50% (puoi usarlo senza ristrutturazione);
  3. Ecobonus 50% (puoi usarlo senza ristrutturazione);

Consentono di recuperare parte delle spese sostenute per sostituire gli infissi. Hanno requisiti specifici che li rendono più o meno adatti al tuo progetto e alle tue esigenze.

Vediamoli insieme.


Come sostituire gli infissi con il Bonus Casa 2023 2024 e quando conviene

Il Bonus Casa 2023 2024 è il principale incentivo per sostituire gli infissi senza ristrutturazione.

Puoi utilizzarlo per i  lavori di:

  • manutenzione straordinaria,
  • restauro
  • risanamento conservativo 
  • ristrutturazione edilizia. 

Consente di cambiare le misure senza incorrere in particolari considerazioni.

Ottieni una detrazione del 50% su una spesa massima di 96.000€.

Puoi detrarre il 50% in 10 anni, ottenere lo sconto in fattura o fare la cessione del credito.

Il Bonus Casa scade il 31 dicembre 2024.

È l’incentivo per l’edilizia più facile da utilizzare per acquistare e installare i nuovi infissi. Non ha requisiti complessi e lo consiglio per la sostituzione semplice.


Come sostituire gli infissi con il Bonus Sicurezza 2023 2024 e quando conviene

Il Bonus Sicurezza 2023 2024 prevede una detrazione fiscale al 50% per le seguenti spese:

  • installazione di sistemi antifurto,
  • allarmi e videosorveglianza
  • grate, inferriate o persiane di sicurezza

Serve a migliorare la sicurezza nelle abitazioni e copre diversi aspetti critici dell’edificio.

Consente anche di sostituire infissi e accessori, riguarda però prodotti specifici legati alla sicurezza:

  • inferriate,
  • persiane di sicurezza,
  • porte blindate,
  • porte di sicurezza,
  • tapparelle di sicurezza. 

Permette una detrazione del 50% su una spesa massima di 96.000 €.

É possibile detrarre il 50% in 10 anni, ma non puoi accedere a sconto in fattura e cessione del credito.

La detrazione ottenuta erode il Bonus Casa. Non puoi usarli tutti e due.

Non è obbligatorio detenere un titolo edile (permesso).

Scade il 31 dicembre 2024. 

Consiglio il Bonus Sicurezza se devi migliorare la sicurezza della tua abitazione. È valido se hai un progetto specifico. Lo sconsiglio se cerchi un bonus facile per sostituire gli infissi.


Come sostituire gli infissi con Ecobonus 2023 2024 e quando conviene

L’Ecobonus è l’incentivo dedicato alla riqualificazione energetica degli edifici.

Puoi utilizzarlo per i  lavori di:

  • manutenzione ordinaria (anche senza titolo abilitativo) 
  • manutenzione straordinaria,
  • restauro
  • risanamento conservativo 
  • ristrutturazione edilizia. 

Consente di sostituire gli infissi, ma ha delle limitazioni:

  • le misure si possono cambiare ma i mq totali non devono essere maggiori della situazione di partenza;
  • gli infissi devono avere dei valori di trasmittanza termica specifici, basati sulla tua zona climatica.

Con Ecobonus puoi ottenere una detrazione del 50% su una spesa massima di 120.000 €.

Puoi detrarre il 50% in 10 anni, ottenere lo sconto in fattura o cedere il credito fiscale.

Può valere per la semplice sostituzione senza titoli edili (permessi), ma deve essere specificato nel regolamento edilizio del comune d’intervento.

Scade il 31 dicembre 2024.

Consiglio questo incentivo se devi riqualificare casa e vuoi inserire la sostituzione degli infissi nell’intervento. Con Ecobonus puoi installare anche il cappotto termico. Un utilizzo tipico è quello di detrarre gli infissi al 50% e il cappotto al 65% per ottenere un’abitazione meno energivora ammortizzando le spese con un incentivo importante.


Come funzionano detrazioni, sconto in fattura e cessione del credito 2023 2024

Se hai capienza di IRPEF o IRAS, puoi detrarre le spese in 10 anni.

In alternativa puoi scegliere cessione del credito e sconto in fattura:

  1. la prima è la cessione del credito a banche e altri istituti che comprano credito;
  2. la seconda consiste nel cederlo al fornitore sotto forma di sconto in fattura.

Puoi utilizzare questi metodi fino al 31 dicembre 2024 per:

  • Bonus Casa 50%;
  • Ecobonus 50%.

Cessione del credito e sconto in fattura hanno delle complessità:

  • se scegli lo sconto in fattura devi verificare la capienza del tuo fornitore;
  • la cessione del credito ha problemi di liquidità con le banche. Servirà essere certi che venga concessa.

Il mio consiglio: se ne hai la possibilità, la Detrazione è la soluzione più semplice e che dà più sicurezza.


Prenota la tua consulenza infissi

Ho creato un servizio di consulenza per coloro che non posso seguire direttamente con la mia azienda perché sono troppo distanti ma desiderano un supporto esperto.  

L’obiettivo del mio servizio di consulenza online consiste nell’aiutare più persone possibile a far centro nell’acquisto di finestre e porte per la propria casa, senza fare errori. 

La consulenza infissi dedicata a clienti privati, progettisti e serramentisti 

  • Consulenza e assistenza alla progettazione 
  • Consulenza per controversie  e difetti 
  • Consulenza per problemi di installazione  
  • Consulenza patologie edilizie
  • Verifica di fine lavori da remoto 
  • Verifiche in cantiere e supporto tecnico 
  • Consulenza energetica infissi e serramenti

Risorse utili

Come funziona il Bonus Casa 50% (approfondimento)

Il punto sui bonus per l’edilizia

Conviene la sostituzione degli infissi senza togliere il vecchio telaio?

Progettazione montaggio infissi con materiali di posa specifici

La posa in opera certificata degli infissi o il montaggio certificato degli infissi non esistono!

Come avere vetrate panoramiche in edilizia libera senza permesso

La check-list per richiedere preventivi infissi garantiti

Le testimonianze dei clienti Diemme

La galleria dei lavori Diemme

4 commenti su “Bonus Infissi 2023 2024 | Le detrazioni per sostituire gli infissi anche senza ristrutturazione”

  1. Complimenti Sig. Cagnoni l’argomento è stato espresso in modo chiaro mentre la materia è molto caotica e poco chiara in generale per tutte le piccole norme e ibcambiamenti che la caratterizzano …dunque complimenti grazie

  2. Buongiorno sto ristrutturando casa come manutenzione straordinaria e ho già raggiunto i 96.000 per i lavori di edilizia,è possibile detrarre anche il costo delle finestre?

  3. Salve Cris.
    Può usufruire dell’ecobonus 50%.
    Ovviamente, deve essere valutata fattibilità e possibilità di detrazione in proprio.
    Un caro saluto
    CD

  4. Grazie Massimo.
    I complimenti come i suoi sono molto graditi.
    Un caro saluto.
    CD

Lascia un commento