Ecobonus 110% con MPS | Cessione del credito alle banche anche con Monte dei Paschi di Siena: ecco come funziona

La banca MPS (Monte dei Paschi di Siena), si unisce alle banche che accettano la cessione del credito d’imposta  ecobonus 110 per cento. Lo fa con un pacchetto ad hoc, realizzato per i suoi clienti, e dedicato agli interventi di efficientamento energetico e sismico previsti dal Decreto Rilancio.

In questo articolo ti dico come funziona la cessione del credito d’imposta con MPS e quale è la percentuale di acquisto prevista.  Al termine trovi delle risorse utili per informarti sul Superbonus.


Cessione del credito ecobonus 110% con MPS | Come funziona la cessione del credito d’imposta alla banca?

Tra le prime a parlare di Superbonus assieme a BNL e Unicredit, MPS si unisce alle banche che accettano la cessione del credito di Ecobonus 110%.

Lo fa attraverso finanziamenti dedicati, con l’obiettivo di dare la liquidità necessaria nel periodo dei lavori.

I clienti potranno trasferire pro-soluto il credito d’imposta della detrazione in 5 quote annuali alle seguenti condizioni:

  • 103 euro per ogni 110 euro di credito di imposta per persone fisiche e condomini.
  • 101 euro per ogni 110 euro di credito di imposta per le imprese.

Nel caso di crediti con 10 quote annuali, le percentuali di acquisto sono le seguenti:

  • 80 euro per ogni 100 euro di credito d’imposta.

Per garantire la liquidità necessaria a dare inizio ai lavori, Monte dei Paschi mette a disposizione dei suoi clienti dei prestiti dedicati al Superbonus, che si estingueranno con la maturazione del credito d’imposta e la cessione alla Banca.

MPS, utilizzerà una piattaforma dedicata per la cessione del credito del bonus 110.


Cessione del credito ecobonus 110% con MPS | Chi può beneficiare del nuovo bonus per la ristrutturazione?

Il nuovo bonus 110 per cento, è dedicato a:

  • Proprietari di villette unifamiliari
  • Proprietari di prima e seconda casa
  • Condomini che vogliono affrontare un progetto di efficientamento energetico

La classe energetica della tua abitazione dovrà migliorare di almeno due classi, certificate attraverso l’APE (Certificazione Prestazione Energetica).

Gli interventi previsti dal bonus sono:

  • Coibentazione con isolamento a cappotto
  • Sostituzione degli impianti di riscaldamento, raffrescamento o fornitura di acqua calda
  • Messa in sicurezza antisismica dell’edificio
  • Demolizione e ricostruzione con miglioramento della classe energetica (o misure antisismiche nel caso di sismabonus)

Cessione del credito ecobonus 110% con MPS | Non solo cessione dei crediti: arrivano i consulenti

Per supportare i propri clienti, la banca Monte dei Paschi di Siena, dovrebbe mettere a disposizione una rete di operatori dedicata, che assisterà attraverso una consulenza, privati e i condomìni nella gestione dei crediti relativi ad ecobonus 110%.

4 commenti su “Ecobonus 110% con MPS | Cessione del credito alle banche anche con Monte dei Paschi di Siena: ecco come funziona”

  1. Buona sera, sono Alessandro, sto partendo con l’ecobonus 110% sismabonus, e stò cercando una banca che si prende il mio credito, volevo capire, se voi OBLIGATE a fare un’assicurazione a chi sceglie voi come banca, per una maggiore garanzia per il cliente ad non avere brutte sorprese, dall’agenzia delle entrate, anche dopo anni che si è chiuso tutta la procedura. GRAZIE

  2. Salve Alessandro.
    Il rapporto Banca-Cliente non deve essere mescolato con il rapporto Cliente-Impresa.
    Noi non siamo una banca ma un’azienda che opera nel settore edile.
    In ogni caso, per non avere brutte sorprese, incarica un tecnico che possa supportarti.
    Un caro saluto.
    DC

  3. Vorrei aprire un conto corrente presso MPS per potere cedere il credito di imposta del 110% per potere pagare le spese per le opere relative al superbonus del 110% . A tal proposito desidero sapere se MPS accetta la cessione del credito per i nuovi clienti , quanto tempo e’ necessario per ricevere la somma richiesta .

  4. Salve Giovanni.
    In questo momento ci sono difficoltà con diversi istituti.
    Con tutta probabilità dal mese di luglio le banche ripartiranno.
    Sicuramente con tassi più onerosi.

    Un caro saluto
    DC

Lascia un commento