Preventivo Infissi con Bonus 110% | Il 90% degli interessati potrebbe restare fermo al palo

Se stai leggendo questo articolo, di sicuro ti stai informando su come ottenere il bonus 110% e non vuoi rischiare di rimanere fuori perché hai sbagliato l’approccio.

Avrai parlato con amici, parenti o tecnici e poi deciso di approfondire l’argomento ma, lettura dopo lettura, la nebbia si è fatta sempre più fitta. A tal punto da farti chiedere se è meglio aspettare o addirittura rinunciare ad un incentivo così complesso. 

Ho scritto questo articolo per aiutarti a capire meglio come affrontare il Bonus 110%, senza perdere tempo e denaro. 


Preventivo Infissi con Bonus 110% | “Il Tecnico mi ha detto che rientro, puoi farmi un preventivo?”

Questo è quello che sta accadendo da mesi e mesi e che non porterà a niente, anzi… porterà tante persone a fare progetti che poi cadranno a terra senza avere un seguito. 

Come questo esempio accaduto questa mattina con un Cliente che mi ha chiamato e dopo pochi convenevoli mi ha detto:   

Ho già parlato con il mio Tecnico e mi ha detto che posso fare il 110%. 

Mi serve un preventivo per gli infissi, così poi, quando li ho tutti vado a parlare con la banca.  

Fai presto perchè voglio partire subito, non voglio perdere questa occasione.   

Quando qualcuno si avvicina a noi, per ottenere informazioni o preventivi sul 110%, e non ci sono le basi che tra poco leggerai, questo è ciò che posso fare: 

  1. Gli dico che per le finestre gli passeranno poco più di 700 euro al metro quadro e di conseguenza può fare due conti al volo; anche perché cambiare le convinzioni, talvolta inesatte, mi costa fatica e tempo. Senza considerare che rispondere ad una domanda sul 110% significa fare una vera e propria consulenza.  
  2. Spiego che la cosa è un po’ più complessa e che serviranno 6-7 passaggi in più solo per capire se è il caso di fare preventivi e pensare al 110%; già questa risposta mi implica di mettere in campo almeno 10 domande/risposte che emergeranno. 

Preventivo Infissi con Bonus 110% | Quali passaggi ha fatto chi ha iniziato le pratiche ed è pronto per partire? 

Non voglio contrastare questo importante bonus energetico, tutt’altro, ma intendo chiarire alcuni aspetti che sono determinanti, soprattutto per coloro che vogliono fare i lavori nel 2021. 

La nostra situazione, quella di Diemme Infissi, al 19 di gennaio, è questa: 

Abbiamo 14 pratiche 110% avviate, con incarichi firmati che ci impegnano gran parte del 2021, tanto che a breve non potremmo più fare valutazioni e preventivi a nessuno. Almeno nel 2021, sarebbe inutile e poco concreto poiché ci sono già pratiche che vanno in coda a queste.  

Ci stiamo concentrando sulle Pratiche approvate e lavorate secondo procedure ben precise. Il nostro intento è di seguire correttamente chi ci ha dato fiducia per primo, andando quanto prima a lavorare in casa sua.  

Abbiamo utilizzato tutte le Procedure che ripercorrono i passaggi burocratici obbligatori, e che consentono ai nostri clienti di ottenere lavori qualificati rientranti nel Bonus 110% e non

Ci siamo attenuti a quelle che sono le tipologie di Permessi Edili da adottare e abbiamo gestito le pre-asseverazioni di quanto andremo a fornire. 

Da giugno del 2020 ci siamo affiancati a Progettisti competenti che ci supportano in quello che non ci compete; creazione dei capitolati, pre-asseverazioni e verifiche di congruità. 


Preventivo Infissi con Bonus 110% | Consigli pratici – Le BASI per entrare nel merito del 110%, senza fare l’errore più comune. 

Ho scritto questo articolo per dare un consiglio a tutti coloro che stanno chiedendo informazioni o preventivi per accedere al Superbonus 110%. Questi sono i punti fondamentali da considerare per iniziare a parlare di 110%: 

1 – Prima di rimanere al palo con questo Bonus, assolda un Tecnico competente, fallo prima di sentirti dire che non ha più capienza e non può aiutarti, e chiedi a lui un’Analisi Energetica Preventiva.

Serve capire se tecnicamente ci sono i presupposti per iniziare. In ogni caso otterrai una valutazione energetica della tua casa che ti aiuterà tantissimo.

2 – Una volta che il Tecnico ti consegnerà l’Analisi Energetica Preventiva, discuti con lui quelli che sono gli interventi previsti e valuta che ci siano i presupposti per eseguirli. Valutando anche vincoli paesaggistici e conformazione dell’immobile.

Otterrai un quadro chiaro di quello che sarà l’intervento edile da affrontare, anche in termini di invasività. Molte persone assimilano questo bonus ad un intervento di poco conto: faccio i lavori e ottengo il bonus. Attenzione perchè il più delle volte parliamo di Ristrutturazioni Importanti che in alcuni casi potrebbero voler dire dover uscire di casa per un periodo. 

3 – Se sei pronto per affrontare i lavori, discuti le scelte di base con il tuo Tecnico ma fallo prima di richiedere preventivi. Assoldalo per una nuova fase che comprenda la creazione dei capitolati e il progetto Preliminare.

Hai capito bene! Alla base di questo intervento ci sono i Capitolati Tecnici.
Saltare questa fase vorrebbe dire che tutto quello che stai facendo non è ben definito.

Quello che intendo è che, senza i Capitolati Tecnici, non potrai conoscere:

A) L’esatto ammontare dei lavori; andrai avanti un tanto al chilo!

B) Non saprai se i lavori, nel tuo caso specifico, sono congrui con quanto ti è concesso dal Bonus 110%; perchè serve fare una verifica preliminare.

C) Non saprai se finanziariamente hai la possibilità di procedere ed andare oltre perchè non conoscendo le cifre esatte, non firmerai nessun preventivo e tutto sarà lì fermo.

Ecco perché tante persone, oggi, sono ferme al palo con tanti progetti nella testa e nessuna data di inizio lavori.

L’errore più comune che viene utilizzato pensando al 110% è la generalizzazione. Col portafoglio, sfido chiunque, non si generalizza.

4 – Una volta che hai i capitolati in mano, cerca i tuoi Artigiani di fiducia. Quegli artigiani che si occuperanno del tuo lavoro senza guardare al Bonus Fiscale ma guardando a fare un lavoro che deve durare nel tempo e che deve essere conforme al progetto.

Perché se il progetto differisce dai lavori eseguiti, tutto si bloccherà con ampio rischio di non concludere correttamente il recupero fiscale; senza contare che potrebbe essere difforme di fronte ad una futura verifica. 

Detto che tu possa trovare i giusti artigiani, senza confonderti a fare 10 preventivi per tipologia di lavoro (forse non ci sarebbero nemmeno più i tempi vista la durata del bonus), e detto che trovi posto nelle liste d’attesa dei più qualificati sul mercato, discuti con loro i capitolati per ottenere i preventivi.

Come vedi, la fase dove richiedi il preventivo è piuttosto lontana dall’idea generale che si è diffusa.

5 – Se a questo punto sei riuscito ad ottenere i preventivi che ti servono e puoi di nuovo sederti al tavolo col Tecnico per verificarli in modo corretto; il Tecnico si prenderà il tempo necessario per verificare la congruità dei preventivi col capitolato (spera che nessun artigiano ci metta del suo, con meglio questo o quello) poi si organizzerà per effettuare la verifica economica definitiva.

Siamo arrivati solo al punto 5 ma, come vedi, il lavoro da fare non è mancato e non abbiamo ancora discusso la parte finanziaria; come vuoi pagare/recuperare le spese. 

6 – A questo punto, se tutto è stato verificato, hai in mano i numeri per affrontare la parte finanziaria. In sintesi hai tutti i documenti per capire come pagare/recuperare il Bonus spettante.

Si apriranno diversi scenari:

A) Paghi e detrai in autonomia in 5 anni; numeri esatti alla mano, puoi verificarlo con la tua dichiarazione dei redditi.

B) Paghi e cedi il credito alla banca; la soluzione più usata per partire e non restare al palo.

C) Chiedi aiuto alla Banca con un prestito temporaneo; sei fortunato perchè se hai seguito le mie fasi buona parte dei documenti per la richiesta sono pronti.

D) Chiedi aiuto alla Banca con un prestito a stati di avanzamento; i documenti, come sopra, se hai seguito le mie fasi, sono in buona parte pronti.

Dovrai però capire bene i tempi degli avanzamenti e fare un passaggio dagli Artigiani che hai scelto per capire se sono in linea con i tuoi tempi di pagamento.

Ricorda che la Banca ti prenderà sul serio solo quando gli consegnerai una serie di documenti completi e lavorabili. Oltre ai capitolati e alla relazione del Tecnico, serviranno anche la verifica Urbanistica e Catastale del tuo immobile.

E) Chiedi ai tuoi Artigiani di acquisire il tuo credito! Si apre un capitolo troppo impegnativo che deve essere discusso caso per caso. In linea di massima ti dico che non ci sono gli estremi per gestire questi interventi consentendo all’Artigiano di non rimettere soldi o di diminuire troppo le sue casse. 


Preventivo Infissi con Bonus 110% | Conclusioni

Se vuoi affrontare il 110% ASSOLDA un Tecnico di cui ti fidi e fatti guidare. 

Ps: se ti consiglia di iniziare a richiedere preventivi, senza supportarti con i capitolati, cambialo subito. 


Risorse utili

Chi ha diritto al Bonus 110

Quali lavori si possono fare col 110

Come funzionano detrazioni IRPEF, cessione del credito e sconto in fattura

Quali sono i documenti da presentare alle banche

Quali sono i rischi del 110

Quando conviene lo sconto immediato in fattura

Le nostre FAQ 110%

I Casi Studio dei nostri Clienti

Le testimonianze dei clienti Diemme

La galleria dei lavori Diemme

I video utili del nostro canale Youtube

 

 

Lascia un commento