Porta blindata preventivo e detrazione fiscale 2019

Come funzionano le detrazioni fiscali per cambiare la tua porta di ingresso o la tua porta blindata?

Con il bonus sicurezza 2019, sicuramente esteso anche al 2020, potresti anche sfruttare la detrazione fiscale del 50% per mettere in sicurezza la tua casa. 

Al termine di questo articolo, troverai anche uno speciale sulle classi antieffrazione e su come difenderti dai ladri!

Vediamo insieme come sfruttare la possibilità di mettere in sicurezza la tua casa usufruendo proprio del bonus fiscale 2019 sicurezza.

Preventivo porta blindata e detrazione fiscale


Cos’é il Bonus sicurezza casa?

Il bonus sicurezza ti consente di eseguire una serie di interventi per la messa in sicurezza della tua casa e di poter usufruire di un rimborso, pari al 50%, sulla spesa che andrai ad affrontare.

Lo scopo del bonus è quello di incentivare interventi che devono prevenire il rischio di furti, aggressione e qualsiasi altro reato che possa danneggiare la tua persona o la tua famiglia.


Pagina dedicata alle Porte Blindate Diemme 

 

Porte blindate


Quali sono i deterrenti detraibili oltre alla porta di ingresso?

Oltre alla nuova porta di casa tua, il bonus si estende anche ad una serie di prodotti di sicurezza; ecco a te l’elenco completo:

  • Inferriate, Grate e Cancelletti di sicurezza
    .
  • Porte di sicurezza
    .
  • Portoni Blindati
    .
  • Sensori di allarme installati su finestre e porte
    .
  • Impianti di allarme con rilevatori interni o esterni
    .
  • Vetri antisfondamento
    .
  • Cancelli e recinzioni perimetrali
    .
  • Avvolgibili anti sollevamento
    :
  • Tapparelle di sicurezza
    .
  • Telecamere di sicurezza
    .

Sono ammessi tutti gli interventi che vanno a migliorare la sicurezza della tua casa, anche:

  • Nuova serratura di sicurezza
    .
  • Cilindri di sicurezza
    .
  • Installazione di defender
    .
  • Paletti di sicurezza
    .
  • Maniglia con chiave
    .

Per maggiori informazioni sull’implementazione della sicurezza puoi richiedere Assistenza Diemme Infissi qui: ASSISTENZA DIEMMEil nostro centro Riparazione Infissi Lucca


Come devo pagare per non perdere la detrazione? 

La cifra che spenderai, iva compresa, ti sarà restituita al 50%, in 10 anni con un rimborso ogni anno.

Se spenderai €: 2.500,00 euro, compresa iva, ti saranno restituiti €: 1.250,00 Euro.

Il limite massimo di spesa di questo Bonus è quello della Ristrutturazione, 96.000 Euro.

Stai attento ai pagamenti perché devono essere eseguiti in modo corretto per non rischiare di perdere il beneficio.

Obbligo di pagamento con Bonifico Bancario completo di:

  • causale del versamento: Bonifico relativo a lavori edilizi che danno diritto alla detrazione prevista dall’ articolo 16-bis del Dpr 917/1986;
    .
  • codice fiscale del beneficiario della detrazione;
    .
  • codice fiscale o Partita Iva del beneficiario del pagamento.
    .

Chi può detrarre il 50% sulla messa in sicurezza casa e sulla porta di casa?

Porta blindata detrazione: Possono detrarre “i proprietari o nudi proprietari, i locatari o comodatari, il familiare convivente e chiunque abbia un diritto di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie)”.


Devo fare anche la pratica ENEA per la nuova porta?

Detrazione fiscale porte blindate: Dalla fine del 2018 è previsto che debba essere redatta la pratica Enea anche per quegli interventi che daranno una miglioria in termini di risparmio energetico.

La nuova Porta blindata può avere una miglioria energetica, devi quindi produrre la pratica.

Entro 90 giorni dal termine del montaggio della porta blindata, dovrai fare la pratica Enea sul portale telematico.

Per questo servizio, se vuoi, potrai fare affidamento su di noi. Eviterai errori e sarai sicuro di avere un corretto iter burocratico.

Per i gli interventi di messa in sicurezza con serrature o implementazioni, la pratica non serve!

Ripeto, serve solo se la porta blindata ha dato una miglioria in termini di risparmio energetico.

Causale Bonifico sempre: messa in sicurezza – articolo 16 bis DPR 917/1986.


foto ingresso di design


Quali sono le classi Anti-effrazione di una Porta Blindata?

La normativa europea UNI EN 1627-1628-1629-1630) definisce fino a 6 classi anti effrazione.

Le classi antieffrazione indicano, in caso di effrazione, la resistenza della porta.

Le porte blindate, possono avere aspetti diversi e pannelli decorativi anche se con diverse classi anti effrazione.

Quando acquisti la tua porta blindata dovrai scegliere un adeguato livello di sicurezza per la tua esigenza e la tua casa.

Fai affidamento sulla classe di sicurezza, cerca sempre prodotti certificati ma soprattutto testati da istituti di qualificati ed affidabili.


Vediamo insieme, una per una, le 6 Classi Anti-effrazione. 

La norma UNI ENV1627, attraverso la simulazione di veri tentativi di scasso, stabilisce il livello di sicurezza della porta blindata.


Porta Blindata Classe 1

Antieffrazione minima.

Viene valutato solo l’attacco fisico; calci, spallate o sollevamento della porta.
Assolutamente sconsigliata per un’abitazione.


Porta Blindata Classe 2

Porta testata per un ladro occasionale; viene attaccata con piccoli attrezzi comuni.
Assolutamente sconsigliata per un’abitazione.


Porta Blindata Classe 3

La porta in classe 3 è la porta comunemente utilizzata.

Resiste ad un ladro di media esperienza che tenta l’effrazione con:

  • leve importanti,
    .
  • cacciaviti,
    .
  • piedi di porco,
    .
  • tenaglie,
    .
  • cunei,
    .
  • coltelli.
    .

Valida per appartamenti o villette private.


Porta Blindata Classe 4

Questa porta resiste all’attacco di ladri più esperti che, oltre ad utilizzare gli strumenti ed i modi precedentemente citati nelle altre classi antieffrazione, fa uso di:

  • Seghe,
    .
  • martelli,
    .
  • accette,
    .
  • scalpelli,
    .
  • trapaniportatili a batteria.
    .

E’ adatta alla messa in sicurezza di:

  • case indipendenti,
    .
  • semi-indipendenti,
    .
  • villette,
    .
  • appartamenti in condominio con alto rischio.
    .

Porta Blindata Classe 5

Livello di sicurezza alto!

Resiste ad attacchi di ladri veramente esperti, che fanno uso di:

  • trapani,
    .
  • seghe a sciabola,
    .
  • mole ad angolo a disco di mm.120 di diametro.
    .

E’ indicata per:

  • istituti bancari
    .
  • negozi che vendono valori preziosi
    .
  • locali statali ad alto rischio
    .

Il mio consiglio è quello di acquistare, se abiti in un appartamento o in una villetta indipendente, una porta in classe 3 o in classe 4.

In ogni caso, il bonus sicurezza vale per ogni classe anti effrazione.


Porta di ingresso: meglio una porta in legno, una porta in pvc o una porta blindata?

Se ancora non ti sono chiari alcuni aspetti, e vuoi capire meglio, potresti leggere anche questo articolo.

raffiguara una casa con una porta blindata


Conclusioni

Costruiamo la tua nuova porta d’ingresso, anche con la solita estetica di quella che hai, aumentando notevolmente il livello di sicurezza della tua casa!

Se devi sostituire la tua porta di casa o installare una nuova porta di sicurezza e ottenere un preventivo porte, compila il Form e sarai contattato entro 24 ore.