Proroga Superbonus unifamiliari | Lavori oltre il 30 giugno e novità sulla cessione del credito

Attraverso una risoluzione approvata dal Senato, e successivamente inserita nel Decreto Aiuti, il Governo ha posticipato la scadenza del 30 giugno per le unifamiliari, data entro la quale doveva essere raggiunto almeno il 30% di stato di avanzamento lavori per usufruire del Superbonus 110%.

Nella risoluzione, si era parlato anche di possibili novità sulla cessione del credito divenuta in questi giorni uno dei punti cruciali della discussione, solo parzialmente confermate.

Continuano tira e molla e cambiamenti dell’ultima ora sui bonus energetici. Vediamo in cosa consiste la proroga per le unifamiliari e cosa potrebbe ancora cambiare.


Articolo del 27 maggio 2022. Per conoscere lo stato attuale del Superbonus clicca qui: COME FUNZIONA IL SUPERBONUS OGGI


Proroga Superbonus unifamiliari | Cosa cambia per i proprietari di villette e case private

Con la proroga, la data del 30 giugno per raggiungere lo stato di avanzamento lavori del 30% va a decadere per gli interventi sulle unifamiliari.

La scadenza è stata posticipata, dando più tempo ai beneficiari per portare avanti i lavori e raggiungere questo primo criterio.

La nuova scadenza è, salvo modifiche in corso d’opera, il 30 settembre 2022.


Proroga Superbonus unifamiliari | Le novità sulla cessione del credito

Le novità per la cessione del credito sono state confermate solo in parte.

Il Decreto Aiuti contiene modifiche per le banche, con una prima cessione più elastica e una gestione più semplice dei crediti successivi.

Questo aspetto è ancora molto discusso. Non è da escludere che arrivino dei cambiamenti nei prossimi DL.


Proroga Superbonus unifamiliari | Cosa potrebbe ancora cambiare

Il DL include le nuove scadenze per le unifamiliari: 30 settembre 2022 per il 30% di avanzamento dei lavori e 31 dicembre 2022 per il completamento.

Qualche spiraglio potrebbe arrivare per la cessione del credito, con modifiche che non hanno cambiato di molto la situazione attuale.


Proroga Superbonus unifamiliari | Cosa sappiamo in questo momento

Rimangono ancora tanti dubbi sul Superbonus e sulla sua operatività.

Il rischio è che tanti cantieri possano fermarsi, proprio per l’incertezza su aspetti critici come la cessione del credito e lo stesso calcolo dello Stato di avanzamento Lavori.

In attesa di chiarimenti, ancora una volta invito a mantenere la massima cautela.


Risorse utili

FAQ Decreto MITE Aprile 2022

La Consulenza con Daniele Cagnoni 

Il libro Scegliere Infissi

Le testimonianze dei clienti Diemme

La galleria dei lavori Diemme

I video utili del nostro canale Youtube

6 commenti su “Proroga Superbonus unifamiliari | Lavori oltre il 30 giugno e novità sulla cessione del credito”

  1. È mai possibile che i proprietari di unifamiliari siano cittadini di serie B per il superbonus. Mi sembra anticostituzionale.
    grazie

  2. Ciao Claudio.
    Quello che viene offerto, da tutte le detrazioni, è un grandissimo contributo.
    Speriamo che venga messo a punto e reso strutturale, anche con percentuali minori.
    Un caro saluto
    DC

  3. Ciao Luigi.
    Hanno strutturato questo sistema cercando una compatibilità con gli interventi.
    Presumevano (tempo passato) che l’unifamiliare avesse tempi di intervento minori, e condomini o lo plurifamiliari tempi più lunghi.
    Poi… le cose sono andate diversamente.
    Un caro saluto
    DC

  4. salve daniele io ho avviato pratiche per lavori superbonus 110 ad agosto 2021 con uscite tecnici per valutazione ma ancora niente per conferma inizio ce possibilita fino al 30 settembre di rientrare nelle nuove normative grazie

  5. Salve Franco.
    Mi resta difficile entrare nel merito senza sapere quello che è già in atto.
    Penso che i tempi siano abbastanza stretti.
    Noi siamo in consegna a febbraio 2023.

    Un caro saluto
    DC

Lascia un commento